Ancora in tema di dissesto dei Comuni e procedura di riequilibrio finanziario

logo

Il ritiro deciso dal Governo del D.L. n. 126 del 31 ottobre 2013 (il c.d. “salva-Roma”)
la dice lunga sulla pratica legislativa di fine anno, quasi sempre utilizzata per soddisfare altresì aspettative localistiche e ad personas.

Con esso si è, quindi, dissolto l’emendamento, nonostante fosse stato approvato al Senato1, con il quale veniva offerta la possibilità di aderire alla procedura anti-default anche ai Comuni per i quali la Sezione regionale di controllo della Corte dei Conti aveva già avviato la procedura di dissesto guidato ex art. 6, comma secondo, del d.lgs. n. 149/2011.

Ciò sino a quando il Prefetto non avesse già adempiuto alle notifiche di sua competenza. Un modo per lasciare paradossalmente “perfezionare” al dissestato la sua dichiarazione
di dissesto sanzionatorio.

Leggi qui

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *